UNA TORREFAZIONE DI NICCHIA NEL CUORE DELLA TOSCANA DOVE IL CAFFE’ ASSUME UN GUSTO E UNA PROFUMAZIONE INEBRIANTE

Quando l’amore e la passione entrano in tutto quello che facciamo il risultato non può che essere eccezionale ed è quello che troviamo anche nella piccola Torrefazione Piansa, ma di alta qualità.

Come afferma un noto proverbio oserei dire: “Nella botte piccola ci sta un buon…..caffè!

Il papà di questo speciale caffè, Pietro Staderini, controlla scrupolosamente la nascita delle sue creature (miscele): dall’acquisto del caffè crudo, al controllo dei chicchi, all’attimo “fuggente”, come lo definisce lui, in cui i chicchi hanno raggiunto la perfetta tostatura.

Un’altra preziosa attenzione, che la Torrefazione Piansa ci regala, è la sua produzione di particolari cialde.

Questi esclusivi involucri ci permettono di gustare in ogni dove (casa, ufficio, bar, ristorante) le varie miscele Piansa, dato che mantengono nel tempo il profumo e il gusto del caffè appena macinato. Quindi sapore, qualità e praticità sono delle caratteristiche imbattibili.

La mia miscela preferita è sicuramente “I Magnifici 10”.

Non dimenticate quindi di chiedere o andare alla ricerca del “Caffè Piansa” perché merita un plauso speciale (Torrefazione Piansa: Via Meucci, 1 – Ponte a Ema, Bagno a Ripoli – Firenze).

E allora buon caffè a tutti o quasi!

*** *** ***

In Europa il caffè, seme di numerose specie di “Coffea” (famiglia delle Rubiaceae), è giunto grazie ai Veneziani e agli Olandesi nel XVI secolo. L’aroma e la qualità variano molto da un paese all’altro ma anche da una piantagione all’altra. La sua fragranza è data dall’olio essenziale aromatico ivi contenuto, il “caffeolo” che dopo l’avvenuta tostatura si trasforma in “caffeone” e assume il noto aroma .

Caffè e Medicina Cinese. Natura e sapore del caffè torrefatto: calda, amaro. La sua azione è stimolante, cardiotonica, ipersecretiva, ha efficacia in alcuni casi di emicrania ed è utile nelle bronchiti croniche.

Se una tazzina di caffè (circa 4 kcal) può aiutare a risvegliarsi, a ridurre la stanchezza, l’eccesso invece è un nemico della concentrazione e delle buone prestazioni mentali, crea acidità di stomaco, ipereccitabilità, insonnia.

Tutte le sostanze nervine come cioccolato, tè, bevande tipo cola e caffè, se consumate con esagerazione, creano dipendenza, come la nicotina delle sigarette e tutte le dipendenze sono dannose per l’organismo.

*** *** ***

Un diplomatico francese affermava che: “Il caffè deve essere caldo come l’inferno, nero come il diavolo, puro come un angelo e dolce come l’amore” (Charles Maurice de Talleyrand-Périgord1754/1838).

Giulia Zeroni

Consulente del Ben-Essere su misura

(articolo pubblicato sul quotidiano “Mondoliberonline.it”, non più attivo)