Tiziano Terzani: Straordinario uomo Fiorentino

TIZIANO TERZANI: STRAORDINARIO UOMO FIORENTINO

Giornalista, grande reporter, scrittore e viaggiatore del mondo che diventa in seguito un filosofo, esploratore dell’anima.

Una persona che amava andare sempre oltre la dimensione apparente delle cose, alla ricerca della verità: prima nei fatti del mondo e poi in se stesso dopo la scoperta di una malattia pesante con cui ha condiviso, come lui affermava, diversi anni della sua vita.

Tiziano Terzani ha attraversato per lungo e per largo tutta l’Asia e dalla filosofia orientale ha ricevuto insegnamenti tali da fargli vivere una vita intensa e fuori dall’ordinario, accettando infine di lasciarla senza troppa sofferenza. Ha dichiarato anche che il tumore per lui è stato una benedizione poiché era caduto nella routine della vita e ha voluto cercare altro.

Voglio ricordarlo con qualche suo “acuto” suggerimento sul senso della vita. In una intervista dichiarò che la sua ricerca non era fondata esclusivamente sul trovare chissà quale rimedio (anche se ne ha sperimentati diversi) per il tumore, ma cercare e sperimentare una guarigione interiore profonda che lo ha portato a percorrere varie strade e donare a tutti noi pensieri utili per intraprendere un cambiamento nella nostra esistenza:

“L’altra via…è quella dell’esperienza. L’esperienza fatta su se stessi. Il vero capire non avviene con la testa, ma con il cuore. Si capisce davvero solo quello che si è provato, quello che si è sentito dentro di sé”.

– “L’uomo, se vuole sa fare attenzione, può intuire che tutto ciò che nella vita gli appare in contrasto, il buio la luce, il falso e il vero, non sono che due aspetti della stessa cosa. Sono diversi, ma non facilmente separabili, sono distinti ma non sono due: Come un uomo e una donna che sono sì meravigliosamente differenti, ma che nell’amore diventano UNO”.

“Vivo ora, qui, con la sensazione che l’universo è straordinario, che niente succede per caso e che la vita è una continua scoperta. E io sono particolarmente fortunato perché, ora più che mai, ogni giorno è davvero un altro giro di giostra”.

Cominciare con una gran risata e finire con una gran risata.

Non si è mai obiettivi fino in fondo nel descrivere qualcosa, soprattutto nel giornalismo afferma Terzani, perché si sceglie quello che noi vediamo, allora c’è bisogno di usare il cuore per analizzare il tutto perché è lì che risiede la verità. Verità dietro le parole, utilizzando sincerità insieme a un po’ di ironia.

Portare il cuore nella vita significa prendere consapevolezza che c’è altro oltre la materia. Nel fondo del cuore di tutti c’è chiaro cosa è giusto e cosa non è giusto, cosa è il bene e cosa è il male. E’ così che dobbiamo fare. Ricordiamo che il cuore è uguale in ognuno di noi. La “verità” è eterna, è assenza di tempo e non è quella mia e non è quella tua, ma quella di tutti i cuori.

La vita fa parte di un disegno divino, è un sentiero che va oltre il destino. E il viaggio è la consapevolezza che tutto è Uno che non c’è separazione fra i popoli, non c’è separazione fra Oriente e Occidente. Il messaggio che si riceve da questo uomo è di vivere quindi in modo totale, risvegliarsi dal torpore del quotidiano per intraprendere una nuova visione della vita, per essere liberi nello spirito, da costrizioni, dolori, malattia e tristezza.

Consiglio vivamente di leggere tutte le opere (reportage narrativi, saggi e postumi), ma in particolare: “Un altro giro di giostra”, suo ultimo libro. “La fine è il mio inizio”, a cura del figlio Folco Terzani. “Un’idea di destino – Diari di una vita straordinaria”, libro curato dalla moglie Angela Terzani Staude, suo grande amore.

Concludo con un discorso di Tiziano al figlio Folco: “…lascio un libro che forse potrà aiutare qualcuno a vedere il mondo in modo migliore, a godere di più della propria vita, a vederla in un contesto più grande…”.

Giulia Zeroni

(articolo pubblicato su rivista online, Top Life Magazine, non più attiva)